Scuola dove sei? A caccia del tesoro

In primo piano

Arliano

E’ il titolo del Seminario Estivo dell’AIMC delle regioni Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Trentino e Veneto che, come tradizione, si terrà presso la Casa diocesana Mons. Bartoletti
Arliano (Lucca) da Sabato 27 a Lunedì 29 Agosto. Il Seminario è rivolto ai Docenti di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di 1° grado e ai dirigenti scolastici per aprire uno spazio di riflessione sulla situazione del nostro tempo, sugli interrogativi che rivolge alla scuola, sulla centralità del ruolo dei docenti e dei dirigenti. Al Seminario interverranno:
– Prof. Stefano Zamagni, economista e accademico: Che fare perché la scuola torni ad essere luogo di educazione e non solo di istruzione.
– Dott.ssa Paola Serafin, segretaria nazionale CISL scuola: Scrivere un nuovo futuro professionale: lo strano caso del personale della scuola
– Prof. Pierpaolo Triani, pedagogista, Università Cattolica di Piacenza: Necessaria e insufficiente: orizzonti nuovi di responsabilità e libertà per la scuola. 
Iscrizioni con il versamento della quota di partecipazione entro il 10 agosto al linkhttps://forms.gle/aF19Nx7T63DPqPgH8
Per informazioni: aimcnord2@gmail.com
Scarica Programma 

A scuola di educazione civica

In primo piano

Copertina2G. Biraghi, M. Cagnetta (a cura di), A scuola di Educazione civica, Ed. ECOGESES, Roma 2022, pp. 366, €. 18.00.

A scuola di Educazione civica”, è la nuova opera editoriale che raccoglie gli interventi di insegnanti, dirigenti scolastici, dirigenti tecnici e docenti universitari con lo scopo di approfondire le questioni in ordine all’insegnamento dell’Educazione civica negli istituti scolastici e favorire l’avvio di percorsi di ricerca con il coinvolgimento attivo dei docenti nella costruzione di curricoli.
Il libro nasce dal cammino che l’AIMC delle regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige e Veneto, con la collaborazione della Cooperativa E.CO.G.E.S.E.S., ente promosso dall’AIMC, hanno condotto nei primi due anni di introduzione della normativa alla ricerca di possibili itinerari e delle questioni emergenti nelle scuole e nella didattica in ordine ai fini dell’insegnamento di Educazione civica.

Il libro raccoglie i contributi di: Bassotto Italo, Bellingreri Antonio, Betti Francesco, Calidoni Paolo, Cappelletti Anna Maria, Castoldi Mario, Chiarle Angelo, Corradini Luciano, Falanga Mario, Guasti Lucio, Ghidinelli Giovanni, Maccario Daniela, Moliterni Pasquale, Perla Loredana, Rocca Antonio, Rondanini Luciano, Santerini Milena, Scirea Silvana, Spadoni Marilena, Tartaglino Emilio Mario, Testone Bianca, Toscani Donata, Triani Pierpaolo, Vezzosi Disma.

Vedi Indice del libro

E’ possible acquistare il libro al negozio online della Cooperativa Ecogeses

UDIENZA DAL CARDINALE ANGELO SCOLA

Immagine

Un clima di calda accoglienza e di speranza aleggiava durante l’udienza del Cardinale Scola nella sede dell’Arcivescovado di Milano. Erano presenti i rappresentanti dell’AIMC(Associazione Italiana Maestri Cattolici) e dell’UCIIM( insegnanti scuola media) nell’ora e nel giorno stabiliti: 19 dicembre ore16,30. La sala del ricevimento , maestosa nella sua bellezza architettonica e ornamentale, ha contribuito a fare fluire le parole verso l’obiettivo comune:il bene degli alunni in un sistema scolastico nell’ottica del cambiamento di qualità. Le due associazioni degli insegnanti hanno esplicitato le difficoltà e le problematiche che attraversa la scuola in una società liquida i cui soggetti educanti sembrano aver sfuocato valori, obiettivi e programmi educativi condivisi per la formazione globale e unitaria degli alunni.
Il Cardinale con pacatezza e condivisione ideologica ha esternato la sua vicinanza agli insegnanti e al mondo della scuola, prendendo le distanze dalla frammentazione del sapere e indicando nell’interazione della Comunità educante, la strada maestra per concorrere a una positiva evoluzione della personalità e del sapere degli studenti.
Nell’insegnamento, ha continuato il Cardinale, bisogna partire dal patrimonio esperienziale dei bambini e dal loro desiderio di comprendere per renderli consapevoli dei loro dinamismi mentali e aiutarli a allo sviluppare in modo armonico le conoscenze costitutive del vero sapere. Ci si è trovati tutti d’accordo che per realizzare tali obiettivi devono assumere un ruolo fondamentale i docenti e tutti i soggetti deputati all’educazione, compresa la Chiesa che, sensibile alle esigenze educative dei bambini, ha messo in campo iniziative in ambito pastorale per dare il suo contributo fattivo al miglioramento della scuola in cui nessuno deve essere “perduto” e in cui tutti devono avere l’opportunità di un’educazione inclusiva in un sistema integrato e unitario.
Emanuele Verdura

IDEE PER CAMBIARE LA QUALITA’ DELLA SCUOLA

Immagine

                            Riflessioni per migliorare la scuola

Occorre una svolta nella scuola, un cambiamento radicale e innovativo. La scuola deve riprendere il suo protagonismo e riscoprirsi vitale, partecipativa, consapevole del ruolo di responsabilità verso le nuove generazioni. La sua dimensione di universalità deve consentire l’acquisizione di saperi e valori, e insegnare la grammatica della convivenza.
La scuola che vogliamo dovrà compiere scelte che avviino la stagione dell’integralità della persona, dell’interdisciplinarietà e della personalizzazione dell’insegnamento , affinché i bambini in difficoltà possano trovare la valorizzazione delle loro potenzialità in un ambiente inclusivo in grado di valorizzare tutti gli alunni, non perdere nessuno e coinvolgere l’intera comunità educante con un’alleanza condivisa in un sistema integrato.

1° elemento : l’insegnante

Nella scuola, l’insegnante, esaltando il concetto di dialogo, di libertà e di implicazione esistenziale comunitaria, deve favorire l’apertura del bambino al senso della vita, anche attraverso la comprensione del significato culturale ed epistemologico della disciplina insegnata. E ciò dà gioia, significato e senso all’insegnamento.
L’insegnante nella sua globalità di corpo, mente e anima deve prioritariamente conoscere se stesso, coordinare la conoscenza di sé stesso e alimentare il suo essere attraverso l’introspezione, la preghiera e la meditazione quotidiane, avendo come riferimento i principi educativi cristiani. Il docente deve essere infuso di forte motivazione. Il suo essere insegnante deve trasparire dalla luce emanata dai suoi occhi e dal comportamento amorevole, connotato da apertura del cuore, dall’etica professionale e dalla consapevolezza dell’ importanza della professione. Egli dovrà svolgere l’attività didattica con passione, credendo fermamente nel proprio operato e avendo come scopo il bene degli alunni. La passione per l’insegnamento, vissuta con intensità e continuità, veicolerà un cambiamento nell’interiorità del docente che condizionerà positivamente il suo comportamento e il suo modo di insegnare.
Egli deve essere un esempio di vita, un modello da seguire per incrementare la potenza magica della pedagogia. Deve dedicare energia e volontà per raggiungere questo obiettivo. La rivoluzione deve avvenire prima dentro i docenti, deve toccare il cuore e l’anima, e risvegliare le potenze dentro, metterle in moto e proiettarle verso l’esterno per migliorare l’insegnamento. Il docente deve essere consapevole che l’insegnamento è la professione più importante, la più significativa e nobile, poiché può influenzare la società del domani. Il futuro è nelle mani dei docenti. Educare è un lavoro di grande responsabilità e di sintesi e deve essere valorizzato e apprezzato prima dagli stessi docenti e poi dalla società civile. In questo contesto l’insegnante deve vestirsi di una forte e nuova identità, il cui elemento pedagogico deve essere seminato nel cuore e nell’anima, oltre che nella mente.
Perché ciò avvenga egli deve essere ricettivo al cambiamento, deve mettersi in gioco e porsi col cuore aperto, affinché l’incontro con l’alunno sia un incontro di libertà reciproca e di approccio globale per evitare lo scivolamento verso la visione della frammentazione dei saperi e dell’alunno.
I docenti e gli alunni devono respirare una forte umanizzazione nei rapporti, una concreta motivazione e incontrarsi in un piano di libertà relazionale per co-costruire i saperi in un clima di entusiasmo e di gioia. Docenti e alunni devono ritrovare se stessi e il senso di una scuola viva, attiva, in cui l’insegnamento-apprendimento si delinei in modo condiviso, consapevole e ricco di valori radicati dentro l’umanità di chi insegna e di chi apprende.

2° elemento : la comunità educante

Perché ciò si verifichi è’ importante l’impegno di tutti e di ciascuno. E’ necessario mettersi in gioco in prima persona, confrontarsi e condividere il progetto educativo comune in cui si riacquisti la centralità della persona nel processo del nuovo umanesimo.
Ogni singola persona deve impegnarsi, protendersi verso l’altro nel percorso educativo e mettere in campo la propria esperienza per donarla agli altri, poiché “la vita viene destata e accesa solo dalla vita” e per la vita l’alunno deve essere educato ed aiutato a trovare se stesso e la strada
verso i valori e la conoscenza.
Le associazioni di insegnanti e genitori di scuole statali e paritarie, la Chiesa e lo Stato stanno mostrando uno straordinario interesse verso la scuola, poiché hanno compreso che la scuola è il futuro del domani e che il miglioramento della società futura passa attraverso la scuola. Hanno compreso anche che occorre una valida e reale alleanza educativa per proporre un tipo di insegnamento caratterizzato da unitarietà, e sussidiarietà, evitando la frammentazione dell’alunno. E’ una primavera pedagogica, un risveglio delle coscienze a cui tutti devono partecipare come protagonisti, dando un convinto e appassionato contributo soggettivo.
Le associazioni, nate nella Chiesa o ispirate ai principi cristiani, in prima istanza devono affrontare i bisogni specifici della categoria, ascoltare le esperienze e difficoltà per tentare, in seguito, di dare risposte in una dimensione comunitaria associativa e interassociativa. Ne consegue la necessità di dialogo, di alleanze educative, di comune e unitario percorso pedagogico – didattico che deve caratterizzare le associazioni e far vivere, dentro e fuori, la dimensione comunitaria.
I segnali di una presa di consapevolezza di un non più rinviabile cambiamento in ambito educativo provengono anche dalle sperimentazioni didattiche, realizzate con estremo impegno professionale nell’aula scolastica, vista come” campo pedagogico”.

3° elemento: la conoscenza

La conoscenza è un mezzo potente a cui bisogna aspirare, ma non è sufficiente. Deve essere affiancata dall’amore, dalla fede e dalla convinzione che sono energie vive che stimolano e ispirano. Chi ha solo il sapere intellettuale vacilla, chi possiede anche amore e fede supera gli ostacoli sociali e scolastici. Alla conoscenza va affiancato il nutrimento spirituale, la cura dell’anima per rafforzare e dare il senso della vita, proiettando il bambino verso l’interiorità, verso se stesso. Occorre un cambiamento di mentalità. L’amore per gli alunni, la fede nei valori cristiani e sociali, la consapevolezza della missione del ruolo docente e la pazienza muovono le montagne e rimuovono gli ostacoli all’apprendimento. Con l’amore per i bambini si conquistano i genitori e anche gli angeli custodi dei bambini che ricompensano le persone che aiutano i bambini. È l’amore che trasforma, educa e migliora il bambino, inteso nella sua globalità di corpo mente e anima.

4° elemento : l’educazione

L’educazione serve ad aiutare a diventare ciò che già si è, anche se in forma di seme. Deve preparare alla vita, deve dare ricchezza interiore e non solo istruzione, deve portare fuori ciò che è dentro il bambino, ciò che Dio vi ha posto dentro come un tesoro, per rivelarlo e renderlo luminoso e consapevole. Il docente deve risvegliare la consapevolezza e la potenzialità che è dentro gli alunni e insegnare loro ad essere presenti totalmente nelle proprie azioni, a credere nel proprio essere studente, a impegnarsi con convinzione, e sintonizzarsi con il sapere e con tutto ciò è disponibile al mondo: natura, saperi, tecnologia… Bisogna educare l’intelligenza e non la memoria e la ripetizione; va incentivata l’originalità, la creatività il pensiero divergente, il processo di apprendimento in cui gli alunni sono protagonisti e co-costruiscono la conoscenza col docente, il quale assume il compito di una guida che aiuta la consapevolezza e la ricerca dell’alunno.
L’insegnamento diventerà vivo, autentico e gioioso e l’educazione farà emergere dal bambino la sua conoscenza interiore e potenzialità mentali, consentendogli di maturare una personalità globale e unitaria. L’educazione diventa, così, un’arte che nasce dall’esperienza di vita dell’essere umano e che educa alla sintesi culturale ed esistenziale attraverso un’alleanza fra tutte le componenti educative scolastiche ed extrascolastiche.

5° elemento : la formazione

L’azione di formazione dei docenti contribuirà a favorire il cambiamento e ridefinire la scala valoriale, relazionale e culturale della scuola , intesa come luogo di sacralità e di condivisione dei saperi.
I corsi di formazione devono essere scevri da eccessive concettualizzazioni, e fornire da subito indicazioni operative con immediata ricaduta nelle classi. I corsi di formazione devono mettere i docenti, di posto comune e di sostegno, nelle condizioni di potere gestire adeguatamente i BES con il supporto degli specialisti e della famiglia. I docenti, dopo i corsi, devono socializzare le esperienze effettuate e avere come riferimento il relatore per consigli e per ovviare a eventuali difficoltà nell’ applicabilità didattico- metodologica. Tenuto conto che la scelta dei corsi di formazione deve rispondere alle esigenze formative e alle richieste dei docenti, si indicano, di seguito, alcuni metodi efficaci per migliorare e facilitare l’apprendimento degli alunni.

METODO ANALOGICO

Il metodo analogico è semplice, facile, accessibile a tutti e permette di ritrovare l’umanità tra insegnanti e alunni. La spiegazione di tutto è nell’anima, intendendo che dentro ogni bambino c’è tutto dal quale attingere per apprendere in modo naturale e senza difficoltà. Il docente ha il compito di riconnettere l’alunno alle sue conoscenze dormienti e proiettarlo nella percezione immediata delle conoscenze matematiche. Ma ciò è possibile anche con tutte le discipline. Si apprende senza sforzo in modo naturale e con gioia. Bisogna ritrovare la strada, lasciarsi andare e collegarsi con le parti migliori di se stessi, con la propria interiorità. E’ l’imperativo per apprendere al volo con velocità.
Il metodo analogico è un sistema facile, intuitivo che fa amare la scuola, stimare i docenti ed eliminare l’atteggiamento negativo e repulsivo di molti alunni nei confronti del sistema scolastico. L’apprendimento diventa una necessità interiore e una scelta libera per la quale gli alunni mettono in campo tutte le proprie energie, il proprio impegno e le proprie attitudini per raggiungere gli obiettivi culturali in un clima di serenità, felicità e relazionalità positiva.

PROGRAMMAZIONE NEURO LINGUISTICA

La PNL (Programmazione Neuro Linguistica) permette ai docenti di conoscere la strategia di apprendimento degli allievi, fornisce nuovi ed efficaci principi per la programmazione dei sistemi d’insegnamento gradevole e facilitato, dà l’opportunità di instaurare schemi, strategie e ancore per migliorare l’apprendimento, mette nelle condizioni di migliorare il proprio stile di comunicazione nei diversi contesti, fornisce tecniche per modificare il comportamento e risolve problemi di apprendimento.
Con la PNL si incentiva la creatività e l’uso della parte destra del cervello con conseguente aumento delle potenzialità apprenditive degli alunni. In classe si possono valorizzare le eccellenze di ogni alunno per metterle a disposizione degli altri e imparare velocemente prendendo spunto dal come imparano bene gli altri e dalle strategie utilizzate.

METODO FEUERSTEIN

Il programma di arricchimento strumentale può risvegliare intelligenze addormentate e far emergere talenti che non riescono a manifestarsi compiutamente. Gli elementi fondanti del PAS sono la Modificabilità Cognitiva Strumentale, con la quale si possono creare nuovi sinapsi e nuovi agenti conduttori neuro chimici che modificano la struttura neurale del cervello, e l’Esperienza di Apprendimento Mediato che crea cambiamenti sostanziali nel parlare e nel linguaggio corporeo del docente e dell’alunno.
L’approccio del PAS si basa sul concetto di modificabilità cognitiva. La sua caratteristica distintiva è il fatto che mira non solo a rimediare abilità e comportamenti specifici, ma ad attuare cambiamenti di tipo strutturale che modificano il corso e la direzione dello sviluppo cognitivo. Il suo scopo è arricchire il repertorio individuale delle strategie cognitive per arrivare a un apprendimento e a un problem solving più efficace, recuperare le funzioni cognitive carenti e sviluppare strategie nel caso di individui con prestazioni ritardate o inadeguate.
Il PAS, formato da 14 strumenti riferiti a specifiche carenze cognitive, può essere insegnato insieme al normale programma scolastico, scegliendo gli esercizi adatti ai bambini con difficoltà e a quelli normodotati.

L’EDUCAZIONE LIBERALE E IL PERSONALISMO PEDAGOGICO
La pedagogia di Maritain va riscoperta e intessuta nell’attuale panorama pedagogico e sociale per dare risposta adeguata alle esigenze formative degli alunni. Si mettono in rilievo alcuni aspetti che possono dare un contributo al rinnovamento della scuola. Maritain si avvale dell’orientamento proprio dell’umanesimo integrale che interpreta l’uomo come sinolo di anima e di corpo, unità inscindibile ed indissolubile di spirito e materia e su queste due dimensioni deve agire l’educazione liberale. Il personalismo pedagogico rivaluta profondamente sia la personalità del maestro che quella degli alunni, nella relazione educativa tra i due soggetti. La scuola, intesa come ambiente di vita, e non come luogo di insegnamento, deve essere organizzata come un laboratorio che produce idee nuove, a partire dagli alunni, riuniti in gruppi di lavoro e di ricerca il cui obiettivo è cogliere il significato delle discipline e avere una certa comprensione della verità e della bellezza che esse comportano e che non cessano di arricchire il patrimonio della cultura.
6° elemento : proposte operative
– Creazione di un archivio di esperienze didattiche innovative in ogni regione ( on line e cartaceo).
– Creazione di uno sportello di ascolto per docenti in ogni provincia
– Promozione di corsi di formazione esperenziali su:
– motivazione dei docenti e degli alunni;
– relazione e comunicazione;
– amore per lettura;
– scrittura creativa;
– metodo analogico;
– metodo Feuerstein.

Emanuele Verdura
Pres. Prov. AIMC Milano Monz